Ulisse Magazine si arricchisce delle informazioni giornaliere sui tassi di cambio effettivi

.

Datavisual Cambio Strumenti e Metodologie

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Questa settimana, Ulisse Magazine si arricchisce di una nuova sezione riguardante i tassi di cambio effettivi.
Il tasso di cambio effettivo di una valuta è calcolato come media pesata dei tassi di cambio di un paniere di valute verso la valuta considerata. I pesi sono proporzionali ai flussi di commercio delle merci che il paese considerato ha con i suoi principali partner commerciali.
Il cambio effettivo rappresenta quindi una misura della debolezza o forza di una valuta in assoluto, diversamente dai cambi bilaterali che riflettono la posizione di una valuta relativa solo ad una seconda valuta presa come riferimento.
La dinamica di una valuta può essere considerata come un indicatore indiretto dello stato di salute di un'economa. In regime di cambi fluttuanti, infatti, il tasso di cambio effettivo tende ad apprezzarsi quando gli operatori di mercato hanno delle aspettative positive sull'economia, ovvero quando ritengono che il sistema economico-finanziario sottostante stia attraversando una fase di sviluppo. Viceversa se il tasso di cambio tende a deprezzarsi, le aspettative saranno negative.


Fonte e modalità di presentazione dei dati

I tassi effettivi pubblicati in Ulisse Magazine sono basati sui tassi di cambio verso l'euro rilevati giornalmente dalla Banca centrale europea (www.ecb.europa.eu) e sono aggiornati automaticamente tutti i pomeriggi alle ore 17:00.

I 30 tassi di cambio effettivi analizzati, sono presentati in due modalità diverse:
  • La prima vuol fornire al lettore una visione sintetica dell'evoluzione dei tassi di cambio analizzati tramite semplici grafici a barre che, per i paesi sviluppati e paesi emergenti, sintetizzano la dinamica di ciascun cambio nel corso delle ultime settimane e mesi.
  • Nella seconda modalità ciascun tasso di cambio è graficato singolarmente in modo da evidenziare, tramite grafici a linee, la sua dinamica nel tempo.
    Oltre ai dati giornalieri, nel grafico sono riportate le medie mobili a due settimane, due mesi e sei mesi. Il confronto tra il dato giornaliero e queste tre medie mobili fornisce le informazioni che sono utilizzate nella prima modalità di rappresentazione.

Esempio concreto

Tra i cambi analizzati, ci sembra utile segnalare il cambio effettivo del Real Brasiliano che consente di cogliere immediatamente la fase di nuova forte incertezza avviatasi nelle scorse settimane in Brasile.
Nel corso degli ultimi 12 mesi, infatti, il Real si è caratterizzato per una fase di progressivo rafforzamento, in relazione ai giudizi sempre più positivi degli operatori economici sulla possibilità che il Brasile si lasciasse velocemente alle spalle la profonda fase di crisi economica iniziata nella primavera del 2014.
Come risulta dal seguente grafico il cambio effettivo del Real, dopo essere migliorato da valori prossimi a 95 di maggio dello scorso anno ad un massimo di 114 raggiunto ad inizio di quest'anno, è crollato in pochi giorni da 110 a 103, riflettendo chiaramente lo scandalo politico che sta coinvolgendo il presidente Michel Temer, accusato di corruzione.


Grafico a barre contenente i paesi BRICS

E' evidente che in questo contesto si è incrinata la fiducia degli operatori sulla possibilità che si avvii, a breve, una nuova fase di significativo sviluppo dell'economia brasiliana.
Il confronto del dato dell'ultimo giorno con le tre medie mobili, permette di calcolare i tassi di variazione mensili equivalenti 1 e quindi di produrre il grafico sintetico qui riportato, dove risulta chiara la dinamica nell'ultimo periodo del Real.


Grafico a linee contenente la dinamica del Real brasiliano

1 I tassi di variazione mensili equivalenti sono calcolati rapportando il valore dell'ultima osservazione della seria giornaliera all'ultimo valore delle diverse medie mobili, normalizzato in modo da tenere conto della diversa distanza tra l'ultimo giorno considerato e il giorno centrale della media mobile.