Il crollo del Peso cileno

.

Cambio Data visualization I numeri della settimana

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

Questa settimana una delle valute che ha significativamente subito una variazione alla propria dinamica è il Peso cileno.

Le elezioni presidenziali, avvenute lo scorso 19 novembre, vedono l’imprenditore milionario Sebastian Pinera - ex presidente del Cile nel periodo 2010 2014 - il candidato che ha ottenuto più voti nel primo turno elettorale (36%) insufficienti, però, per la vittoria.
Contrariamente ai sondaggi, che davano al candidato di centro-destra un netto vantaggio rispetto agli altri candidati, il 17 dicembre si terrà il ballottaggio tra Pinera e Alejandro Guiller arrivato secondo con il 22% dei voti.
Il quando macro economico del paese resta poco incoraggiante, infatti, il tasso di crescita del PIL si attesta all’1.4%, ai minimi dal 2010, e il tasso di disoccupazione è in aumento al 7%.
Tale situazione, accompagnata da una sostanziale diminuzione del prezzo del rame (principale bene esportato dal Paese), che nel mese di novembre ha perso il 6% del suo valore, ha contribuito a peggiorare il deficit delle partite correnti (5.9 miliardi di dollari) e quindi ad indebolire il Peso cileno.
In questo contesto, la valuta cilena è crollata in poco più di una settimana di oltre il 3% nei confronti sia del dollaro che dell’euro, con un valore di tasso di cambio pari a 655.5 Peso per dollaro (si veda il grafico qui riportato) e 770 Peso per euro .

Tasso di cambio Peso cileno per dollaro

Interessante il caso della Rupia indiana che dal 2014 ha assunto una dinamica di rafforzamento nei confronti delle valute dei paesi concorrenti (tasso di cambio effettivo aumentato del 14%) nonostante un disavanzo del conto delle partite correnti pari a 34 miliardi di dollari e nonostante una politica valutaria della Banca Centrale indiana volta ad accumulare riserve di valuta estera.
Le azioni dell’attuale governo Modi varate negli ultimi tre anni (riforma fiscale, riforma bancaria, manovre anti corruzione ecc.) hanno contribuito ad aumentare le prospettive di crescita del paese (il Fondo Monetario Internazionale prevede un aumento della crescita economica del 6.7% nel 2017 e del 7.4% nel 2018) e ad incrementare la fiducia degli operatori di mercato nei confronti dell’economia indiana.
A confermare di questi sentimenti, è da citare la promozione del credito sovrano indiano dell’agenzia americana Moody’s che poche settimane fa ha incrementato il rating del paese da Baa3 a Baa2.
Tuttavia, va segnalato che il peggioramento in corso del saldo commerciale e il continuo aumento delle riserve ufficiali da parte della Banca Centrale indiana, rendono incerta la prosecuzione, nel prossimo futuro, del trend di apprezzamento della Rupia.

Tasso di cambio effettivo Rupia indiana

Registrati e iscriviti alla Newsletter

Per ricevere un aggiornamento settimanale dei temi in evidenza di UlisseMag e per accedere e scaricare due contenuti esclusivi: i report Exportpedia (schede mercato per il monitoraggio risultati export territoriale) e i grafici del tool Tassi di Cambio sull'andamento di 120 valute mondiali.

Iscriviti