Agroalimentare: i top mercati mondiali sui segmenti premium nel 2015

.

Agroalimentare Premiumprice Marketselection Domandamondiale Cambio Analisi Mercati Esteri
Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

Stati Uniti mercato ricco per eccellenza, davanti a Germania, UK e Giappone; Cina e Hong Kong nuovi mercati ricchi

Nel 2015 la domanda mondiale di Alimentari confezionati e bevande 1 ha registrato una crescita nei valori in euro di circa il 10% , arrivando vicina ai 450 miliardi di euro (fonte: Sistema Informativo Ulisse 2 ).

Figura 1 – Alimentari confezionati e bevande : evoluzione della domanda mondiale

  agroalimentare

In particolare, l'anno scorso è stata la componente di domanda Premium-Price 3 ad evidenziare le maggiori crescite: nel 2015 le importazioni “premium” di Alimentari confezionati e bevande sono stimate essere state pari a 138 miliardi di euro, con un incremento del 14% rispetto all'anno precedente.

Nel 2015 si è consolidato il primato del mercato degli Stati Uniti , che ha importato dal mondo circa 48 miliardi di euro di Alimentari confezionati e bevande , dei quali oltre 16 miliardi di euro relativi ai segmenti “Premium-Price” .

Figura 2 - Alimentari confezionati e bevande : primi 20 mercati per importazioni a livello mondiale

  agroalimentare

Al secondo posto nella graduatoria mondiale per importazioni del settore la Germania (30 miliardi di euro di importazioni complessive di Alimentari confezionati e bevande , di cui 10 miliardi di euro di Fascia Alta e Medio Alta di prezzo ), davanti a Regno Unito (29 miliardi di euro totali, di cui 10 Premium-Price ) e Francia (22 miliardi di euro complessivi, di cui oltre 7 miliardi di euro sui segmenti Premium-Price ).

Si evidenzia, soprattutto, la rilevante presenza sui segmenti Premium-Price del mercato giapponese: nel 2015 le importazioni del Giappone di Alimentari confezionati e bevande di Fascia Alta e Medio Alta di prezzo si sono attestate vicine agli 8 miliardi di euro (+2 miliardi di euro rispetto al 2014), corrispondenti alla metà delle importazioni complessive del mercato. Da segnalare, inoltre, i flussi Premium-Price del settore rivolti ai mercati di Cina e Hong Kong , che insieme hanno totalizzato 10.7 miliardi di euro (circa l'8% della domanda mondiale “premium”).

1 Per questa analisi sono stati considerati i seguenti settori Ulisse (http://docs.ulisse.studiabo.it/ulisse/it/E0.pdf):

  • E0.12 Olio, condimenti e spezie

  • E0.14 Latte, yogurt, burro e formaggi

  • E0.15 Riso, pasta e farina, confezionati

  • E0.22 Carne e pesce, lavorati e confezionati

  • E0.24 Ortaggi e frutta, lavorati e confezionati

  • E0.31 Biscotti ed altri prodotti da forno

  • E0.32 Zucchero, cioccolata, dolciumi e gelati

  • E0.33 Tè e caffè confezionato

  • E0.41 Acqua e bevande analcoliche

  • E0.42 Bevande alcoliche

2 Si veda il Datamart Ulisse disponibile (per tutti gli utenti) all'indirizzo http://www.siulisse.it/analytics/query/288707/

3 In questa analisi con segmenti “Premium-Price” si fa riferimento alla somma dei flussi di commercio estero riconducibili alle fasce Alta e Medio-Alta di prezzo, calcolate sulla base della distribuzione ordinata dei prezzi a livello mondiale per singolo prodotto.