Apparecchi domestici: i mercati internazionali più in crescita

.

Asia Casa Europa NAFTA Oceania Cambio Analisi Mercati Esteri
Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

Il settore degli apparecchi domestici ( grandi elettrodomestici, cappe, piccoli elettrodomestici, climatizzazione domestica, caminetti e stufe ) risulta tra quelli più colpiti dalla crisi dei consumi nelle principali economie europee. Tuttavia, l'analisi del commercio internazionale del settore documenta come negli ultimi anni il commercio mondiale di apparecchi domestici ha evidenziato crescite significative . Nel 2012 la domanda mondiale di apparecchi domestici ha superato il tetto dei 100 miliardi di euro; nel 2009 il suo valore era di 75 miliardi di euro. Il mercato che ha offerto di gran lunga il maggior contributo alla crescita del commercio mondiale nell'ultimo quinquennio è quello degli Stati Uniti . Le importazioni statunitensi di apparecchi domestici sono cresciute tra il 2007 e il 2012 complessivamente di quasi il 30% se misurate in euro, rafforzando il proprio posizionamento di primo mercato per livelli di importazione  di apparecchi domestici a livello mondiale (Figura 1). Altri mercati hanno offerto contributi significativi alla crescita delle importazioni mondiali di apparecchi domestici tra il 2007 e il 2012: il Giappone ha offerto quasi 4 punti percentuali alla crescita delle importazioni mondiali, registrando aumenti molto rilevanti dei propri flussi in entrata di apparecchi domestici, dai 3.2 miliardi di euro del 2007 ai 7 miliardi del pre-consuntivo 2012. Anche la Russia ha evidenziato dinamiche di crescita delle importazioni molto positive tra il 2007 e il 2012 (+70% in euro, in termini cumulati), attestandosi ad oltre 5.5 miliardi di euro di apparecchi importati. [caption id="attachment_1615" align="alignleft" width="439" caption="Fig. 1: Totale Flussi - Contributi alla crescita 2007-2012 e quote importazioni mondiali di apparecchi domestici (valori in euro; fonte: banca dati Ulisse)"] Fig. 1: Totale Flussi - Contributi alla crescita 2007-2012 e quote importazioni mondiali di apparecchi domestici (valori in euro; fonte: banca dati Ulisse) [/caption] Da segnalare, infine, tra i paesi europei, la performance positiva della Francia , le cui importazioni di apparecchi domestici sono complessivamente cresciute nell'ultimo quinquennio del 20% in euro. Va tuttavia evidenziato come il mercato francese sia cresciuto soprattutto nelle fasce medio-basse di prezzo, mentre sui segmenti di prodotto a maggiore valore abbia mostrato performance negative (Figura 2) . Viceversa, un mercato che ha saputo crescere significativamente in termini di importazioni sulla fascia alta di prezzo e consolidare il proprio posizionamento di primo mercato per importazioni di fascia alta è la Germania . L'import tedesco di apparecchi domestici di fascia alta di prezzo ha registrato tra il 2007 e il 2012 un incremento complessivo del 40% in euro, confermandone la caratteristica di mercato particolarmente ricettivo in termini di premium-price . Altri mercati che sono cresciuti significativamente, in termini di importazione, sulla fascia alta di prezzo risultano Svizzera , Cina , Australia e lo stesso Giappone . Il mercato svizzero , a fronte di un incremento complessivo di importazioni di apparecchi domestici del 40% (in euro), ha evidenziato una crescita delle importazioni di prodotti di fascia alta di prezzo del 90% (dai circa 300 milioni di euro del 2007 ai 560 milioni di euro del 2012). Il mercato cinese ha registrato una crescita cumulata delle importazioni in euro di apparecchi domestici di fascia alta di prezzo tra il 2007 e il 2012 è stata del 40% (superando in valore i 400 milioni di euro), a fronte di un incremento complessivo delle importazioni in euro del 32%. Il mercato australiano ha sperimentato più di un raddoppio della domanda di importazioni di prodotti di fascia alta di prezzo, passata da meno di 200 milioni di euro nel 2007 a oltre 400 milioni di euro nel 2012 (in un contesto di crescita complessiva delle importazioni di apparecchi domestici del 45% in euro). Sul mercato giapponese le importazioni di apparecchi domestici di fascia alta hanno registrato tra il 2007 e il 2012 un aumento in termini cumulati di circa il 70%, attestandosi su valori vicini ai 400 milioni di euro. Cina , Australia , Giappone , insieme a Stati Uniti e Russia , risultano, quindi, mercati extra-UE ad alto potenziale per le imprese italiane di apparecchi domestici, chiamate in questa fase ad ampliare il proprio raggio d'azione al di fuori del tradizionale mercato comunitario. Il caso del mercato tedesco e di quello  svizzero , le cui importazioni sono cresciute negli ultimi anni soprattutto sulla fascia alta di prezzo, evidenziano, peraltro, come anche i mercati vicini possano offrire opportunità di crescita rilevanti per i prodotti di qualità. [caption id="attachment_1616" align="alignleft" width="442" caption="Fig. 2: Fascia Alta di Prezzo - Contributi alla crescita 2007-2012 e quote importazioni mondiali di apparecchi domestici (valori in euro; fonte: banca dati Ulisse)"] Fig. 2: Fascia Alta di Prezzo - Contributi alla crescita 2007-2012 e quote importazioni mondiali di apparecchi domestici (valori in euro; fonte: banca dati Ulisse) [/caption]