Bergamo si conferma tra le province trainanti l'export italiano

L'anno scorso la provincia bergamasca tra i best performance italiani

.

Territori Trainanti Congiuntura Tassi di crescita Attualità e Congiuntura
Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

La provincia di Bergamo si conferma tra i territori trainanti l'export italiano. L'anno scorso le vendite all'estero della provincia di Bergamo hanno segnato un aumento di oltre 300 milioni di euro rispetto al 2015, raggiungendo un nuovo punto di massimo (14.5 miliardi di euro), di circa 1.7 miliardi di euro più elevato rispetto all'inizio della Grande Recessione.
Nel 2016 i comparti Agroalimentare (+12.4% in euro rispetto all'anno precedente), Sistema Moda (+4.6%) e Metalmeccanica (+2.0%) sono risultati “trainanti” le esportazioni della provincia di Bergamo, a fronte di andamenti più incerti per Chimica (+1.4% in euro rispetto al 2015) e soprattutto di Sistema Casa (-0.8%) anche se con differenze significative a livello di settori e mercati di destinazione.

Export provincia di Bergamo: tassi di variazione 2016 dei diversi comparti

Qui di seguito vengono descritte le performance dei settori trainanti e frenanti l'export provinciale nel 2016.

Agroalimentare

BEVANDE - con performance particolarmente favorevoli sul mercato statunitense - Dolciumi, condimenti e piatti pronti, Conserve e succhi di ortaggi e frutta risultano, all'interno del comparto Agroalimentare, i settori trainanti l'export della provincia di Bergamo nel 2016. Andamenti positivi anche per le vendite all'estero di Formaggi e altri prodotti del latte e di Cereali e ortaggi.
Di converso, Carne, pesce e prodotti derivati e Articoli di carta risultano i settori frenanti l'export provinciale del comparto.

Sistema Moda

Nel comparto Sistema Moda sono risultate in crescita l'anno scorso le vendite delle imprese bergamasche all'estero soprattutto di Cuoio e pelletteria, Altri prodotti (tra cui Calzature, Giochi e giocattoli, Gioielleria) e, in misura minore, di Tessile, Abbigliamento e Ombrelli e cancelleria.
Di converso, hanno registrato performance negative le vendite oltreconfine di Occhiali, protesi e altri beni per la salute e di Filati, mentre sostanzialmente stabili sono risultate quelle di Maglieria e calzetteria.

Sistema Casa

Illuminotecnica, Mobili, Elettrodomestici per la casa, Vetro e prodotti in vetro sono stati i settori del comparto Sistema Casa più penalizzanti per l'export delle imprese bergamasche nel 2016.
In crescita, invece, risultano le vendite provinciali all'estero di Pietre ornamentali lavorate, Legno e prodotti in legno, Altri prodotti (Refrattari, Prodotti in ceramica e Laterizi in modo particolare) e, in misura minore, di Prodotti in plastica.

Metalmeccanica

All'interno del comparto Metalmeccanica risultano in crescita le vendite provinciali all'estero di MACCHINE NON UTENSILI (con performance particolarmente favorevoli sul mercato turco), CALDAIE, VALVOLE E CUSCINETTI (con performance particolarmente favorevoli sul mercato USA), Utensili, stampi e altri prodotti in metallo e di Batterie e accumulatori. Da segnalare, inoltre, la conferma delle performance positive sul mercato USA di Macchine utensili.
Di converso, si segnalano i cali delle vendite provinciali all'estero di Macchine agricole, Tubi in acciaio ed Elettrotecnica (motori e distribuzione).

Chimica

PROFUMI, COSMETICI e altra chimica (con performance particolarmente favorevoli sui mercati di Stati Uniti e Francia) e Pitture e vernici si segnalano come i settori del comparto Chimica più positivi per l'export della provincia di Bergamo nel 2016.
Sono risultate l'anno scorso in calo, invece, le vendite provinciali all'estero di Prodotti farmaceutici di base, Fibre sintetiche e artificiali, Prodotti chimici per l'industria, Fitofarmaci e, in misura minore, di Chimica di base (anche se si confermano in positiva controtendenza le vendite sul mercato tedesco: +18.4 milioni di euro l'anno scorso, dopo l'incremento cumulato di ben 91 milioni di euro nel periodo 2009-2015).