Calzature: Milano, Firenze, Vicenza e Forlì-Cesena le province trainanti delle esportazioni italiane

.

Frenanti Congiuntura Trainanti NAFTA Siulisse Europa Fashion Asia Territori Controllorisultati Cambio Attualità e Congiuntura

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Le province di Milano , Firenze e, in misura minore, Vicenza e Forlì-Cesena risultano i principali territori trainanti le esportazioni italiane di Calzature, in virtù di contributi alla crescita particolarmente positivi sia nel 2013 che nel primo trimestre 2014. S tati Uniti , Francia , Regno Unito , Svizzera e Hong Kong le destinazioni trainanti l'export calzaturiero italiano.

Nel corso del 2013 le esportazioni italiane di Calzature avevano evidenziato un risultato di buona crescita (+5.5% in euro); nel primo trimestre del 2014 la loro dinamica, pur mantenendosi positiva, si è in parte attenuata (+2.6% in euro, in termini tendenziali). In tale contesto, vanno evidenziate come trainanti l'export italiano del settore le imprese delle province di Milano , Firenze e, in misura inferiore, Vicenza e Forlì-Cesena : si tratta delle province che hanno registrato i contributi maggiormente positivi alla crescita  dell'export italiano di Calzature sia nel corso del 2013 sia nel primo trimestre 2014 (si veda la Figura 1) .   Va inoltre evidenziato il rafforzamento nel primo trimestre 2014 dei contributi alla crescita - già positivi nel corso del 2013 - delle esportazioni della provincia di Barletta

Si qualificano, invece, come frenanti  l'export italiano di Calzature i risultati delle imprese delle province di Novara e, in misura minore, Rimini . Si rileva, inoltre, il peggioramento nel primo trimestre dell'anno della performance all'estero delle imprese delle province di Fermo e, in misura minore, Venezia , che - a fronte dei favorevoli contributi offerti nel corso del 2013 - nei primi tre mesi 2014 hanno fornito contributi di segno negativo alla crescita tendenziale delle esportazioni italiane di Calzature.

Fig: 1 - Contributi delle esportazioni provinciali alla variazione delle esportazioni italiane di Calzature: Anno 2013 e I trimestre 2014 (fonte: Exportpedia, www.exportpedia.it)

Focalizzandoci sulle informazioni disponibili a livello di mercati di destinazione per le esportazioni italiane di Calzature (Figura 2), si evidenziano i contributi fortemente positivi - sia nel corso del 2013 che nel primo trimestre del 2014 - offerti da Stati Uniti , Francia , Regno Unito , Svizzera e Hong Kong (si veda la Figura 2). In rafforzamento nei contributi alla crescita delle esportazioni italiane nel periodo più recente (primo trimestre 2014) risultano, inoltre, i mercati di Grecia , Turchia , Canada , Sud Corea

Di converso, i mercati maggiormente “frenanti” le esportazioni italiane di Calzature nel corso del 2013 sono risultati Olanda e, in misura minore, Spagna e Irlanda (questi due ultimi, peraltro, in miglioramento nei primi tre mesi dell'anno). Appaiono, inoltre, in fase di indebolimento nei contributi alla crescita dell'export italiano nel periodo più recente (primo trimestre 2014) i mercati di Cina , Russia , Sud Africa , a testimonianza di un contesto di mercato a livello internazionale divenuto recentemente più selettivo per le esportazioni italiane del settore. 

Fig: 2 - Contributi % alla crescita delle esportazioni italiane di Calzature: Anno 2013 e I trimestre 2014 (fonte: Exportpedia, www.exportpedia.it)

Contributi % alla crescita delle esportazioni italiane di Calzature: Anno 2013 Contributi % alla crescita delle esportazioni italiane di Calzature: I trimestre 2014