Come sta cambiando la geografia dell'export italiano del Sistema Casa: un'analisi a livello provinciale

.

Territori Casa Cambio Analisi Mercati Esteri

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Nel 2012 l'export italiano di prodotti finiti del Sistema Casa ( mobili , elettrodomestici , illuminotecnica , arredo tavola , elettronica di consumo, tessile casa ), è risultato pari a 17.2 miliardi di euro, registrando una sostanziale stabilità rispetto al 2011 (-0.5% in euro) e confermandosi su livelli di oltre il 16% inferiori a quelli 2008 (quando l'export italiano valeva oltre 20 miliardi di euro).

Le province italiane che evidenziano la maggiore rilevanza nelle esportazioni del Sistema Casa italiano sono Treviso (con una quota del 13.9%, si veda la Figura 1), Milano e Monza Brianza (con una quota complessiva del 12.8%), Ancona (5.7%), Pordenone (5.7%), seguite, con quote comprese tra il 3 e il 5 per cento, nell'ordine da Vicenza , Udine , Varese , Como , Verona e Brescia .

[caption id="attachment_2066" align="alignleft" width="698" caption="Fig. 1 – Principali province per esportazioni 2012 di prodotti finiti del Sistema Casa (fonte: DW Prov, uda.studiabo.it)"] [/caption]

Un altro indicatore utile a segnalare il grado di specializzazione di prodotti finiti del Sistema Casa a livello territoriale è il saldo commerciale. In base a tale indicatore, nel 2012 la provincia di Treviso si conferma leader, con un saldo commerciale di prodotti finiti del Sistema Casa prossimo ai 2 miliardi di euro, precedendo nell'ordine le province di Pordenone (0.9 miliardi di euro), Ancona (0.8 miliardi di euro) e Udine (0.6 miliardi di euro). Altri territori che presentano una significativa specializzazione sono quelli delle province di Caserta , Pesaro Urbino e Forlì Cesena , con una incidenza delle esportazioni di prodotti finiti del Sistema Casa sul totale provinciale esportato significativamente superiore alla media nazionale.

E' interessante, tuttavia, analizzare quali province (Figura 2) hanno offerto i contributi più rilevanti nel quadriennio più recente (2009-2012), in un contesto di elevate difficoltà per le esportazioni di prodotti finiti del Sistema Casa italiano.

[caption id="attachment_2069" align="aligncenter" width="1024" caption="Fig. 2 - Contributi % alla crescita export Italia 2009-2012 prodotti finiti Sistema Casa (fonte: DW Prov, uda.studiabo.it)"] [/caption]

La provincia che ha offerto il contributo più negativo è stata quella di Ancona , che nel periodo 2009-2012 ha registrato complessivamente una caduta del valore delle esportazioni di prodotti finiti del Sistema Casa pari ad oltre il 33%, sottraendo circa 2 punti e mezzo alla crescita dell'export italiano. Altre aree territoriali che hanno offerto un contributo fortemente negativo (prossimo a -1.5 punti percentuali) alla performance complessiva di prodotti finiti del Sistema Casa italiano sono quelle di Milano Monza Brianza , che tra il 2008 e il 2012 ha registrato una flessione cumulata del 12.7% del proprio export in valore, e la provincia di Udine , le cui vendite all'estero di prodotti finiti del Sistema Casa sono risultate in caduta del 30% nell'ultimo quadriennio.

Solo leggermente meno negativi sono risultati, infine, i contributi alla crescita delle esportazioni di prodotti finiti del Sistema Casa delle province di Pordenone (-1.2 punti percentuali), Varese (-1.1), Bari (-0.8) e Treviso (-0.6).

Se si guarda, invece, alla province che hanno offerto contributi di segno positivo all'export italiano di prodotti finiti del Sistema Casa emergono le performance di Lodi , Arezzo , Novara e Gorizia . In particolare, nel quadriennio 2009-2012 le esportazioni di prodotti finiti del Sistema Casa della provincia di Lodi hanno registrato un incremento cumulato del 63.2%, Arezzo del 73.7%, Novara del 59.8%. Posta l'incidenza limitata che tali territori rivestono nella geografia dell'export italiano del Sistema Casa, si tratta di contributi comunque contenuti alla crescita (inferiori, ciascuno, ai 3 decimi di punto), ma segnaletici di andamenti in controtendenza nell'ambito dei processi di internazionalizzazione del Sistema Casa italiano, che, in quanto tali, meritano degna attenzione.