Continua la debolezza dell'export dei territori italiani

Le esportazioni dei territori italiani nel terzo trimestre 2016

.

Territori Trainanti Congiuntura Frenanti Controllorisultati Datavisual Tassi di crescita Attualità e Congiuntura

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


I dati di esportazione del terzo trimestre 2016, disponibili a livello di provincia e regione sul sito Exportpedia, attestano la fase di debolezza dei fatturati all'estero dei territori italiani: solo una risicata maggioranza (56%) delle province italiane evidenzia, infatti, una variazione tendenziale positiva dell'export in euro. Nel terzo trimestre dell'anno si confermano, da un lato, la maggiore capacità di tenuta dei territori del Nord Est (in cui il 64% delle province ha registrato una crescita tendenziale delle proprie esportazioni) e, dall'altro, il deterioramento delle performance nel Nord Ovest, dove oltre la metà dei territori ha registrato un arretramento nei valori tendenziali del proprio export.

Tassi di variazione tendenziali delle esportazioni nel terzo trimestre 2016 (euro correnti) Tassi di variazione tendenziali delle esportazioni 
         nel terzo trimestre 2016 (euro correnti)

Nel terzo trimestre 2016 solamente una leggera maggioranza (56%) delle province italiane ha registrato crescite tendenziali delle proprie esportazioni in valore. Si tratta di una conferma di quanto già evidenziato nel primo semestre dell'anno.

In modo particolare, si confermano le difficoltà delle performance esportative dei territori del Nord Ovest, dove solo il 46% delle province ha registrato nel terzo trimestre dell'anno un aumento tendenziale dei valori esportati. Tra queste, le performance più positive provengono dalle province di Milano e Genova, entrambe con un incremento tendenziale del proprio export pari a 258 milioni di euro. Da segnalare, inoltre, per incrementi tendenziali nei valori esportati le province di Savona (+155 milioni di euro rispetto al terzo trimestre 2015) e Bergamo (+120 milioni di euro).

Il Nord Est si conferma, anche nel terzo trimestre, come l'area a maggiore crescita diffusa delle esportazioni. In particolare, nel terzo trimestre 2016 hanno registrato aumenti tendenziali particolarmente positivi le esportazioni delle province di Trieste (+168 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2015), Modena (+103 milioni di euro), Padova (+86 milioni di euro), Verona (+85 milioni di euro), Treviso e Venezia.

Al Centro, nel terzo trimestre 2016 Livorno è risultata le provincia “trainante” le esportazioni dell'area, con un aumento tendenziale di 208 milioni di euro. Si segnalano, inoltre, le positive performance delle esportazioni delle province di Roma, Arezzo e Frosinone.

Tra i territori del Sud si confermano, infine, trainanti le performance delle esportazioni della provincia di Potenza (+495 milioni di euro in termini tendenziali, grazie alle performance di forte crescita nel settore autoveicoli) e, in misura minore, quelle di Chieti (+150 milioni di euro, anch'essa trainata dalle vendite all'estero del settore autoveicoli). Andamenti positivi sono evidenziati anche dall'export delle province di Brindisi (+56 milioni di euro rispetto al terzo trimestre 2016) e di Foggia (+43 milioni di euro).