Esportazioni dei territori italiani nel primo trimestre 2015: crescite diffuse al Nord, quadro più contraddittorio al Centro-Sud

.

Territori Siulisse Trainanti Congiuntura Cambio Attualità e Congiuntura

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Il quadro congiunturale delle esportazioni dei territori italiani si conferma moderatamente positivo. I dati del primo trimestre dell'anno evidenziano, soprattutto, una elevata diffusione della crescita nelle province settentrionali (in Piemonte e Veneto in modo particolare). Al Centro e al Sud, invece, si rilevano situazioni più differenziate, con una marcata polarizzazione tra province che evidenziano aumenti tendenziali anche significativi del proprio export, da un lato, ed un quasi altrettanto folto gruppo di province che registra rilevanti flessioni, dall'altro.

Nel primo trimestre 2015 la performance delle esportazioni italiane, benché solo debolmente positiva (+3.1% in termini tendenziali nei valori in euro), evidenzia una decisa prevalenza di territori con segno “più”. Tra gennaio e marzo 2015 circa i due terzi delle province italiane hanno registrato crescite tendenziali delle proprie esportazioni in valore.

[caption id="attachment_5837" align="alignnone" width="300"] Esportazioni delle province italiane 1° trimestre 2015: variazioni tendenziali (euro correnti; fonte: www.exportpedia.it) Esportazioni delle province italiane 1° trimestre 2015: variazioni tendenziali (euro correnti; fonte: www.exportpedia.it)[/caption]

In modo particolare, si rileva una significativa prevalenza di territori in crescita nei valori tendenziali soprattutto nel Nord Ovest (80% delle province) e nel Nord Est (82%). Nel Centro e al Sud , invece, il quadro appare più differenziato, con rispettivamente il 52% e il 58% delle province che nel primo trimestre dell'anno hanno registrato aumenti tendenziali del proprio export in euro.

Nel Nord Ovest , spiccano per contributi alla crescita particolarmente positivi le esportazioni delle province di Torino e, in misura minore, Cuneo , Brescia , Mantova , Varese e Savona . Di converso, si segnalano le performance negative delle esportazioni della provincia di Pavia . Nel Nord Est , invece, registrano aumenti tendenziali particolarmente positivi le esportazioni delle province di Gorizia, Trieste, Vicenza, Treviso e Bologna .

Tra i territori del Centro si rilevano performance alquanto eterogenee: da un lato, si evidenziano aumenti tendenziali particolarmente significativi per le esportazioni della provincia di Firenze e, in misura minore, di Latina e Frosinone . Vanno tuttavia sottolineati, dall'altro lato, i contributi di segno negativo per le esportazioni delle province di Ancona , Ascoli Piceno e, soprattutto, Massa Carrara .

Al Sud , infine, a fronte dei cali tendenziali delle esportazioni delle province di Taranto e, soprattutto, Siracusa , si registrano aumenti tendenziali particolarmente significativi per le province di Potenza e, in misura minore, Ogliastra.