I flussi di commercio degli Stati Uniti d'America nei primi 9 mesi del 2015

.

Settori Consumo Chimica Strumentali Congiuntura Marketselection Commodity Tassi di crescita NAFTA Fashion Metalmeccanica Casa Cambio Analisi Mercati Esteri
Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

La pre-chiusura del terzo trimestre ha consentito a StudiaBo di analizzare i dati dei flussi di commercio degli Stati Uniti d'America nei primi nove mesi del 2015, disponibili nel portale SiUlisse.

Nel periodo gennaio-settembre 2015 le importazioni sono stimate essere aumentate in euro di +18.9 punti percentuali rispetto i primi nove mesi dell’anno 2014: una crescita di +260 miliardi di euro rispetto lo scorso anno.

Vanno evidenziati, in modo particolare, i risultati particolarmente positivi che hanno accomunato le importazioni statunitensi di Beni di Consumo ( +98 miliardi di euro nei primi tre trimestri 2015 rispetto al corrispondente periodo del 2014), Beni Intermedi ( +89 miliardi di euro) e Beni di Investimento ( +83 miliardi di euro).

Di converso, le importazioni statunitensi di Commodity evidenziano variazioni di segno fortemente negativo; in modo particolare, nel periodo Gennaio-Settembre 2015 le importazioni di , Materie risultano in calo del -30.3% in euro rispetto ai primi tre trimestri del 2014.

[caption id="attachment_6103" align="aligncenter" width="648"] BENI DI CONSUMO: Tassi di variazione (%) delle Importazioni Stati Uniti Gen-Set 2015/Gen-Set 2014 (euro correnti)
(fonte: Sistema Informativo Ulisse)
[/caption]

Dalla Figura 1 , relativa alla famiglia dei Beni di Consumo , emerge chiaramente come tutte le industrie relative a prodotti destinati ai consumi finali delle famiglie hanno registrato nel periodo gennaio-settembre 2015 tassi di crescita dei valori in euro particolarmente positivi, superiori a quello del totale beni. In particolare i Prodotti e strumenti per la salute (+38.4% in euro), per la casa (+31.3%) e per la persona (+29.2%) evidenziano le maggiori crescite rispetto ai primi nove mesi del 2014.

[caption id="attachment_6104" align="aligncenter" width="648"] Beni intermedi: Tassi di variazione (%) delle Importazioni Stati Uniti Gen-Set 2015/Gen-Set 2014 (euro correnti) (fonte: Sistema Informativo Ulisse) BENI INTERMEDI: Tassi di variazione (%) delle Importazioni Stati Uniti Gen-Set 2015/Gen-Set 2014 (euro correnti)
(fonte: Sistema Informativo Ulisse)
[/caption]

La Figura 2 , relativa alla famiglia dei Beni Intermedi , segnala tassi di crescita dei valori in euro più elevati rispetto al totale beni per tutte le principali industrie. In modo particolare, nel periodo Gennaio-Settembre 2015 le importazioni statunitensi di Beni Intermedi Chimici evidenziano un aumento stimato pari al 35% in euro rispetto ai primi tre trimestri dell’anno precedente; l' Elettrotecnica mostra un aumento superiore al 30% in euro.

Analoghe performance positive hanno contraddistinto anche le industrie dei Beni e prodotti per le costruzioni e dei Beni intermedi in carta e in legno (entrambe +29.2% in euro rispetto al periodo gennaio-settembre 2014).

[caption id="attachment_6105" align="aligncenter" width="648"] Beni di Investimento BENI DI INVESTIMENTO: Tassi di variazione (%) delle Importazioni Stati Uniti Gen-Set 2015/Gen-Set 2014 (euro correnti)
(fonte: Sistema Informativo Ulisse)
[/caption]

La Figura 3 , relativa alla famiglia dei Beni di Investimento , segnala - ad esclusione di Macchine e impianti per i processi industriali - tassi di crescita dei valori delle importazioni statunitensi in euro, più elevati rispetto al totale beni. In modo particolare, le importazioni statunitensi di Mezzi di trasporto e per l’agricoltura registrano un aumento superiore al 32% in euro rispetto ai primi nove mesi dell’anno precedente.

Da segnalare, inoltre, l'aumento delle importazioni statunitensi delle industrie Strumenti e attrezzature per ICT e servizi (+29.8% in euro rispetto al 2014) e Strumenti e attrezzature per l’industria (+28.7%).