I mercati extra-UE sostengono la domanda mondiale di Lenti e Occhiali, soprattutto sulla fascia alta di qualità / prezzo

.

Fashion Premiumprice Emergenti Cambio Analisi Mercati Esteri

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Lenti e Occhiali sono un settore del Sistema Moda Persona che sta sperimentando crescite sostenute del commercio mondiale e, soprattutto, una ricomposizione geografica della domanda molto significativa a livello internazionale, in particolare sulla fascia alta di qualità / prezzo.

[caption id="attachment_1745" align="alignleft" width="303" caption="Fig. 1: Livelli domanda mondiale di Lenti e Occhiali (miliardi euro; fonte: banca dati Ulisse)"] Totale Flussi: Livelli domanda mondiale di Lenti e Occhiali (miliardi euro; fonte: banca dati Ulisse) [/caption] [caption id="attachment_1747" align="alignright" width="303" caption="Fig. 2: Quote % della domanda mondiale di Lenti e Occhiali (prezzi correnti; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption]                

Nel 2012 il commercio mondiale di Lenti e Occhiali (Figura 1) ha raggiunto il livello record di 17.9 miliardi di euro (in aumento del 8.2% in euro rispetto al 2011), pari a circa 246 milioni di chilogrammi (esprimendo, quindi, un prezzo medio di circa 70 euro al kg). Nell'ultimo quinquennio (2007-2012) il commercio mondiale di Lenti e Occhiali ha evidenziato significativi aumenti sia in valore che in quantità: + 36.6% in euro, +29.8% in chilogrammi.

Tuttavia, è evidente la ricomposizione geografica della domanda mondiale (Figura 2): crescono in termini di quote sulla domanda mondiale le importazioni di Asia, Europa Centro Orientale, America Latina e Oceania Sud Africa, mentre perdono di rilevanza quelle dei mercati dell'Europa Occidentale.

Nello specifico, gli Stati Uniti sono il principale mercato mondiale di importazione di Lenti e Occhiali (Fig. 3), con una quota prossima al 16% del totale. Alle loro spalle, più distanziati seguono il Giappone , che assorbe l'8% della domanda mondiale complessiva, e numerosi mercati dell'Europa Occidentale ( Francia , Germania , Italia , Regno Unito ).

I mercati di Cina , Thailandia , Hong Kong , Australia , Giappone e Corea del Sud sono quelli risultati maggiormente in crescita nel periodo 2007-2012, come si può notare dalla Figura 4; si noti, peraltro, come nel novero sia presente un solo mercato ( Olanda ) dell' area UE . Quest'ultima è invece ampiamente rappresentata dal novero dei principali mercati in fase di ridimensionamento relativo nell'ultimo quinquennio: Germania , Spagna , Regno Unito , Italia , Grecia , che risultano in compagnia di Stati Uniti e Singapore

[caption id="attachment_1760" align="alignright" width="303" caption="Fig. 4: Mercati più in crescita e in calo (var. % quote di domanda mondiale 2007-2012; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption] [caption id="attachment_1759" align="alignleft" width="303" caption="Fig. 3: Principali mercati di importazione (quote % domanda mondiale 2012; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption]                

Gli effetti della crisi si fanno sentire parzialmente sulla fascia alta di qualità / prezzo, che in termini di scambi internazionali di Lenti e Occhiali vale qualcosa come 4 miliardi di euro, pari a circa 15 milioni di chilogrammi (con un prezzo medio, quindi, di circa 250 euro al kg). Nel 2012 il commercio mondiale di fascia alta di prezzo (si veda la Figura 5) ha registrato una nuova flessione (-3% in euro), dopo aver sperimentato nel biennio 2008-2009 una caduta significativa (-22% in termini cumulati, in euro), confermandosi componente di domanda meno dinamica della media.

[caption id="attachment_1767" align="alignright" width="303" caption="Fig. 6: Fascia Alta di prezzo - Quote % della domanda mondiale di Lenti e Occhiali (prezzi correnti; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption] [caption id="attachment_1766" align="alignleft" width="303" caption="Fig. 5: Fascia Alta di prezzo - Livelli domanda mondiale di Lenti e Occhiali (miliardi euro; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption]                

In particolare, sulla fascia alta di prezzo appaiono in forte difficoltà i mercati dell'Europa Occidentale (Figura 6), il cui peso relativo sulla domanda mondiale di Lenti e Occhiali di fascia alta di qualità / prezzo è sceso tra il 2007 e il 2012 di quasi 14 punti percentuali, dal 60% al 46%. A guadagnare quote sono invece le aree di mercato di Asia, Oceania Sud Africa, Europa Centro Orientale, Medio Oriente Nord Africa (MENA), Nord America (NAFTA) e America Latina.

Nello specifico, gli Stati Uniti si confermano il principale mercato di importazione di Lenti e Occhiali anche sulla fascia alta di qualità/ prezzo, con una quota superiore al 15% della domanda mondiale del segmento. Alle loro spalle segue la Germania , che assorbe circa il 10% della domanda mondiale di fascia alta (Figura 7).

I mercati di Canada , Olanda , Australia , Svizzera , Hong Kong , Repubblica Ceca e Austria  sono quelli maggiormente in crescita nel periodo 2007-2012 sulla fascia alta di qualità / prezzo (Figura 8). In ridimensionamento relativo gli Stati Uniti , nell'ultimo quinquennio i mercati maggiormente in difficoltà sulla fascia alta di prezzo appaiono quelli – tutti dell' area UE - di Spagna , Francia , Regno Unito , Italia , Portogallo e Irlanda .

[caption id="attachment_1773" align="alignright" width="303" caption="Fig. 8: Fascia Alta di prezzo: Mercati più in crescita e in calo (var. % quote di domanda mondiale 2007-2012; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption] [caption id="attachment_1769" align="alignleft" width="303" caption="Fig. 7: Fascia Alta di prezzo - Principali mercati di importazione (quote % domanda mondiale 2012; fonte: banca dati Ulisse)"] [/caption]                

Questa analisi documenta come, a fronte delle difficoltà della gran parte dei mercati comunitari, al di fuori della UE siano cresciute le opportunità di vendita offerte dal commercio mondiale di Lenti e Occhiali.

In particolare, la ricomposizione in atto delle quote della fascia alta dai paesi UE alle altre aree del mondo può essere vista come un evidente segnale di come la Grande Recessione stia 'cambiando il mondo', con un trasferimento di reddito ai paesi produttori di materie prime e ai paesi a basso costo del lavoro di nuova industrializzazione e l' emergere di fasce di consumatori 'ricchi' nelle diverse economie emergenti .

Questi cambiamenti tendono a costituire una opportunità per le imprese italiane, chiamate a valorizzare in termini di comunicazione e marketing la propria offerta di prodotti di qualità nei confronti di questi nuovi target di consumatori.