Lenti e occhiali: segnali positivi dal commercio mondiale 2014

.

Siulisse Previsioni Domandamondiale Cambio Analisi Mercati Esteri

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Incremento della domanda mondiale di Lenti e occhiali nel 2014; previsioni di consolidamento del ritmo di crescita nel triennio 2015-2017

La chiusura del terzo trimestre e i primi dati di ottobre-novembre hanno consentito a StudiaBo di effettuare una pre-stima dei risultati del commercio mondiale nel 2014. Sulla base di queste elaborazioni, disponibili a livello di industria, settore e prodotto Ulisse nel portale Ulisse Analytics , è stato inoltre possibile formulare uno scenario di previsione del commercio mondiale al 2017. Queste informazioni sono raccolte e analizzate da StudiaBo nella forma di Schede .

Nell'ambito del presente articolo, si dà un'illustrazione dell'evoluzione del commercio mondiale di Lenti e occhiali sollecitando chi è interessato a sviluppare una propria analisi a livello di prodotto.

[caption id="attachment_4962" align="aligncenter" width="1024" caption="Figura 1 - Lenti e occhiali : evoluzione della domanda mondiale"] [/caption]

Nel 2014 la domanda mondiale di Lenti e occhiali ha evidenziato una prosecuzione del ritmo di crescita in atto dal 2010, registrando un aumento del +4% in euro rispetto al 2013 . Il valore complessivo della domanda mondiale del settore è arrivato attorno ai 19.2 milioni di euro, che costituisce un nuovo massimo assoluto (Figura 1).

[caption id="attachment_4963" align="aligncenter" width="1024" caption="Figura 2 - Lenti e occhiali : previsione del commercio mondiale"] [/caption]

Le prospettive per il triennio 2015-2017 indicano un consolidamento del ritmo di sviluppo della domanda mondiale di Lenti e occhiali : le previsioni formulate da StudiaBo nell'ambito del Sistema Informativo Ulisse indicano, infatti, una crescita medio annua del commercio mondiale nei valori in euro superiore al 5% (Figura 2).