Mantova: esportazioni provinciali in peggioramento, nonostante i contributi positivi dal mercato statunitense

.

Congiuntura NAFTA Siulisse Pianificazione Territori Controllorisultati Cambio Attualità e Congiuntura
Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

I dati pubblicati dall'Istat sulle esportazioni delle varie province italiane segnalano nel II trimestre del 2014 un peggioramento per le esportazioni della provincia di Mantova. Dopo aver messo a segno nel primo trimestre dell'anno una variazione tendenziale del -1.5% in euro, nel secondo trimestre le vendite all'estero delle imprese manifatturiere localizzate nella provincia di  Mantova hanno registrato un calo tendenziale del -5.2% rispetto al corrispondente periodo del 2013.

I dati visualizzati in Exportpedia ( www.exportpedia.it ) consentono di cogliere in maniera immediata quali sono i mercati esteri che hanno determinato tale performance e i cambiamenti intervenuti nei due trimestri.

Contributi alla crescita delle esportazioni della provincia di Mantova
Primo trimestre 2014 Secondo trimestre 2014

Le mappe qui sopra riportate presentano i contributi alla crescita delle esportazioni della provincia legati ai diversi mercati esteri. Sono evidenti significativi cambiamenti tra il primo e il secondo trimestre, con alcune conferme.

Le conferme negative provengono da Francia , Turchia , Grecia , Austria , Ungheria , Spagna , Brasile , Sud Africa . In peggioramento , inoltre, le vendite delle imprese della provincia rivolte soprattutto a Germania , Regno Unito e Russia .

Sul fronte, invece, dei risultati positivi , si evidenzia il recente rafforzamento delle vendite della provincia rivolte al mercato statunitense . Negli USA le esportazioni della provincia di Mantova hanno registrato nel secondo trimestre dell'anno una crescita tendenziale del +23.2% in euro, dopo un primo trimestre sostanzialmente stabile rispetto al corrispondente periodo 2013. Le industrie “trainanti” tale accelerazione sul mercato statunitense sono riconducibili a Prodotti finiti per la persona (in particolare Maglieria e Prodotti delle attività creative, artistiche e d'intrattenimento ) e, in misura minore, Beni alimentari non confezionati e Prodotti finiti di largo consumo .

Si confermano, inoltre, positivi i contributi provenienti da Serbia ed Egitto . In rafforzamento nel secondo trimestre risultano, infine, i contributi alla crescita delle vendite provinciali derivanti da Croazia , Repubblica Ceca , Iraq , non tali, tuttavia, da compensare il segnale negativo complessivo.