Meccanica Strumentale: andamenti molto diversi dei fatturati esteri a livello di mercati mondiali

Meccanica Strumentale: i risultati nei primi 3 trimestri 2016 delle importazioni per paese dal mondo e dall'Italia

.

Metalmeccanica Congiuntura Controllorisultati Datavisual Attualità e Congiuntura

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Nel 2016 gli effetti combinati di cicli differenti di investimento e variazioni nei tassi di cambio stanno producendo andamenti molto differenti dei fatturati esteri denominati in euro delle imprese italiane di Meccanica Strumentale.

La mappa qui sotto riportata consente di evidenziare una forte dispersione dei risultati di vendita di Meccanica Strumentale nei primi 9 mesi dell'anno, posizionando i diversi mercati in funzione delle variazioni tendenziali in euro (valuta di riferimento dei ricavi delle imprese italiane) delle importazioni totali del mercato (asse x) e delle variazioni tendenziali dell'export italiano su tale mercato (asse y).

Meccanica Strumentale: tassi di variazione tendenziali delle importazioni totali e delle esportazioni italiane per paese (primi 9 mesi del 2016)


Mercati trainanti

Per le vendite denominate in euro delle imprese italiane di Meccanica Strumentale si rilevano le crescite tendenziali nei primi 9 mesi dell'anno dei mercati di Messico (+179 milioni di euro rispetto ai primi 9 mesi del 2015), Francia (+103 milioni di euro), Stati Uniti (+100 milioni di euro, aumento particolarmente rimarchevole in un contesto di leggero calo delle vendite del totale concorrenti), Spagna (+96 milioni di euro).
Nei primi 9 mesi dell'anno si segnala, inoltre, in crescita nei valori tendenziali denominati in euro e più dinamico della media dei concorrenti l'export italiano di Meccanica Strumentale rivolto ai mercati di Emirati Arabi Uniti (+73 milioni di euro rispetto ai primi 9 mesi del 2015), Regno Unito (+58 milioni di euro), Pakistan (+47 milioni di euro), Polonia (+45 milioni di euro), India (+45 milioni di euro), Argentina, Olanda, Belgio, Irlanda e Iran.

Mercati frenanti

Per le vendite denominate in euro delle imprese italiane di Meccanica Strumentale si rilevano, di converso, i cali tendenziali dei mercati di Brasile (-167 milioni di euro rispetto ai primi 9 mesi del 2015), Turchia (-74 milioni di euro), Russia (-71 milioni di euro), Algeria (-39 milioni di euro), Arabia Saudita (-36 milioni di euro), Repubblica Ceca (-35 milioni di euro), Iraq, Indonesia, Romania, Nigeria, Egitto.
Si registrano, inoltre, nei primi 9 mesi dell'anno performance sub-ottimali dell'export italiano di Meccanica Strumentale in Germania, dove le nostre vendite risultano in calo tendenziale dello 0.8% in euro, a fronte del +3.3% del totale concorrenti.

Settori trainanti e frenanti

Nei primi 9 mesi del 2016 Macchine alimentari (+166 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2015) e Macchine tessili (+120 milioni di euro) si caratterizzano come i settori trainanti le vendite italiane all'estero di Meccanica Strumentale. In modo particolare, entrambi i settori evidenziano performance dell'export italiano decisamente più dinamiche della media dei concorrenti: nel caso delle Macchine alimentari, a fronte di un calo tendenziale del 2.5% nei valori in euro delle vendite del totale concorrenti, le esportazioni italiane registrano un aumento tendenziale del +8.4% in euro); nel caso delle Macchine tessili, in presenza di una flessione del 3.3% in euro del totale concorrenti, l'export italiano risulta in crescita del +8.6% in euro.

Di converso, Macchine per estrusione (-51 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2015), Macchine per la lavorazione dei metalli (-36 milioni di euro) e Macchine automatiche per il confezionamento e l'imballaggio (-36 milioni di euro) risultano, nei primi 9 mesi dell'anno, i principali settori frenanti l'export italiano di Meccanica Strumentale. Le performance esportative delle imprese italiane di questi settori appaiono, inoltre, meno favorevoli della media dei concorrenti esteri.