Meccanica Varia per Impiantistica industriale: i 15 mercati da considerare nel portafoglio estero 2014

.

Pianificazione Ranking Marketselection Analisi Mercati Esteri

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Il 2014 si preannuncia come un anno di buona ripresa per la domanda mondiale di prodotti della Meccanica Varia per Impiantistica industriale ( Apparecchi di regolazione automatica, Valvole e riduttori di pressione, Caldaie, turbine e motori, Pompe e compressori, Scambiatori di calore ): dopo il leggero calo atteso registrarsi a consuntivo 2013 (-2.2% in euro), nel nuovo anno il commercio mondiale di meccanica varia dovrebbe evidenziare un ritmo di crescita superiore al +5% in euro, per un incremento complessivo annuo di circa 5.7 miliardi di euro. Sarà importante, tuttavia, saper selezionare i mercati che nel 2014 sono attesi esprimere le maggiori potenzialità di crescita degli acquisti dall'estero di prodotti del settore. Inoltre, per gli esportatori di meccanica di fascia alta appare altrettanto fondamentale saper orientare le proprie attenzioni verso quei mercati che maggiormente appaiono in grado di pagare un premio di prezzo per la qualità. Sulla base delle informazioni del Sistema Informativo Ulisse, che misura i flussi di commercio internazionale per fascia di prezzo e che fornisce previsioni sull'evoluzione delle importazioni di 150 paesi, è stato possibile stilare una graduatoria dei 15 mercati mondiali che un esportatore di meccanica varia per l'impiantistica industriale orientato ai segmenti premium-price dovrebbe avere in portafoglio nel 2014. La mappa qui di seguito presentata documenta infine le potenzialità per l'export 2014 del settore per i 150 paesi considerati dal Sistema Informativo Ulisse, con la speranza che possa offrire un utile termine di confronto per tutti gli export manager e gli imprenditori alle prese con difficili scelte, chiamati a privilegiare alcuni mercati rispetto ad altri.   I parametri presi in considerazione nella definizione di questa graduatoria sono:
  1. il valore delle importazioni dei segmenti premium di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale;
  2. l'incremento atteso delle importazioni complessive di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale.
Qui di seguito vengono elencati, in ordine decrescente di importanza, i 15 mercati a maggiore potenziale per il 2014. 1. Cina Con i suoi quasi 6 miliardi di euro di importazioni nei segmenti premium di meccanica varia per l'impiantistica industriale e una crescita attesa nel 2014 delle importazioni complessive che sfiorerà il miliardo di euro (+8.6% in euro rispetto al 2013), la Cina appare il principale mercato “irrinunciabile” per un esportatore del settore.     2. Stati Uniti Gli Stati Uniti si posizionano appena dietro la Cina in quanto a potenzialità per un esportatore di prodotti di meccanica varia di qualità: con circa 5.4 miliardi di euro di importazioni nei segmenti premium, questo mercato tenderà ad esprimere quest'anno una crescita positiva (+5.1% in euro), con un incremento delle importazioni complessive pari a quasi 700 milioni di euro.   3. Germania La Germania conserva un posto di primissimo piano in termini di attrattività per le esportazioni di meccanica varia di qualità: con circa 2.4 miliardi di euro di importazioni dei segmenti premium, il mercato tedesco si posiziona al quarto posto assoluto (dietro a Cina, Stati Uniti e Canada) tra le destinazioni di prodotti di meccanica varia di qualità. La crescita attesa da questo mercato nel 2014 appare positiva (+6.1% in euro), per un incremento delle importazioni complessive pari a circa 400 milioni di euro. 4. Russia La Russia si candida come quarto mercato a maggiore potenziale per gli esportatori mondiali di meccanica varia, grazie soprattutto ad una attesa di crescita delle importazioni complessive che sfiorerà il +8% in euro, per un incremento negli acquisti di quasi 270 milioni di euro. Già particolarmente rilevante la domanda di importazioni dei segmenti premium, che nel 2013 è risultata pari a quasi 1.8 miliardi di euro (7° mercato mondiale in termini assoluti nei segmenti premium).   5. Messico Il Messico si posiziona al quinto posto assoluto tra i mercati a maggiore potenziale nel 2014, grazie ad elevati tassi di crescita attesi dalle importazioni totali di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale (+7.6% in euro), previste in aumento di quasi 200 milioni di euro quest'anno. Già rilevante la domanda di importazioni dei segmenti premium, che nel 2013 è risultata pari a 1.6 miliardi di euro (9° mercato mondiale in termini assoluti nei segmenti premium).   6. Thailandia Le importazioni di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale della Thailandia sono attese evidenziare nel 2014 tassi di crescita vicini alla doppia cifra (+9.3% in euro), per un incremento complessivo pari ad oltre 200 milioni di euro (5° mercato mondiale assoluto in termini di incrementi attesi). Dal punto di vista delle opportunità di premium-price, la Thailandia sta rafforzando il suo ruolo di mercato in grado di pagare un premio di prezzo per i prodotti di qualità della Meccanica Varia: nel 2013 le importazioni dei segmenti premium sono risultate pari a 1.2 miliardi di euro (12° mercato mondiale).   7. Corea Sud Le potenzialità del mercato della Sud Corea riguardano in primis i segmenti premium-price: con oltre 2 miliardi di euro di importazioni di prodotti meccanica varia di qualità, la Sud Corea si posiziona al 5° posto mondiale sui segmenti premium. Dal lato delle crescite attese, le importazioni complessive di questo mercato tenderanno ad essere moderatamente positive (+4% in euro), per un incremento complessivo di circa 140 milioni di euro.   8. Regno Unito Il Regno Unito è una altra destinazione strategica per i prodotti di qualità del settore della Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale: con i suoi 1.8 miliardi di euro di importazioni sui segmenti premium, il mercato britannico risulta il 6° importatore mondiale di prodotti di qualità del settore. In termini di crescite attese nel 2014, le importazioni complessive del Regno Unito di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale dovrebbero evidenziare crescite positive (+3.8%), con un incremento annuo pari a 140 milioni di euro. 9. Giappone Le importazioni giapponesi di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale sono attese registrare incrementi significativi quest'anno: +163 milioni di euro, con un tasso di crescita rispetto al 2013 vicino agli 8 punti percentuali (in euro). Dal punto di vista delle opportunità di premium-price, il mercato giapponese risulta il 10° importatore mondiale per valori sui segmenti alto di gamma (1.3 miliardi di euro).   10. Francia La Francia è attesa mostrare quest'anno positive crescite delle importazioni di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale (+3.7% in euro), con un incremento complessivo di circa 140 milioni di euro. Le importazioni francesi dei segmenti premium risultano pari a quasi 1.2 miliardi di euro (13° mercato mondiale).     11. Brasile Il Brasile è atteso evidenziare nel 2014 crescite abbastanza significative delle importazioni di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale (+4.9% in euro), con un incremento di circa 125 milioni di euro rispetto al 2013. Quanto alle potenzialità di premium-price, con i suoi 1.1 miliardi di importazioni sui segmenti alto di gamma, il mercato brasiliano risulta al 15° posto assoluto in termini di valori importatori di prodotti di meccanica varia di qualità.   12. Arabia Saudita L'Arabia Saudita potrà mostrare nel 2014 crescite positive delle importazioni di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale (+4% in euro), per complessivi 95 milioni di euro. Ma, soprattutto, questo mercato appare offrire elevate potenzialità dal lato del premium-price: con i suoi 1.7 miliardi di euro di importazioni di prodotti di qualità di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale, il mercato arabo-saudita risulta all'8° posto assoluto a livello mondiale per valori importati sui segmenti premium. 13. Italia L'Italia risulta al 13° posto in questa graduatoria dei mercati a più alto potenziale per gli esportatori di tutto il mondo di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale. Nel 2014 il Belpaese dovrebbe evidenziare crescite abbastanza contenute delle importazioni del settore (+2.7%), per un incremento complessivo degli acquisti dall'estero di circa 76 milioni di euro. Più rilevanti appaiono le potenzialità dal lato del premium-price, posto che le importazioni italiane dei segmenti alto di gamma del settore ad oggi valgono quasi 1.2 miliardi di euro (14° mercato mondiale sui segmenti premium).   14. Turchia Nel 2014 la Turchia è attesa evidenziare crescite significative delle importazioni totali di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale (+7% in euro rispetto al 2013), con un incremento complessivo pari a 124 milioni di euro (11° mercato mondiale per incrementi attesi nelle importazioni complessive del settore). Dal punto di vista delle potenzialità di premium-price, il mercato turco appare ancora non particolarmente rilevante in termini di acquisti di prodotti di qualità del settore: con i suoi 550 milioni di euro, nel 2013 la Turchia è risultato appena il 25° mercato di importazioni sui segmenti premium.   15. Emirati Arabi Le importazioni di Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale degli Emirati Arabi si caratterizzano per crescite attese interessanti (+5.8% in euro), per complessivi 87 milioni di euro (15° performance a livello mondiale). Dal punto di vista delle potenzialità di premium-price, gli Emirati Arabi esprimono ancora margini di miglioramento: con i suoi 777 milioni di euro di importazioni sui segmenti premium, nel 2013 questo mercato è risultato al 19° posto a livello mondiale per acquisti di prodotti di qualità del settore. Questa analisi, per quanto rappresenti un spaccato parziale e “arbitrario”, segnala come nel portafoglio estero di un esportatore di prodotti di qualità del settore della Meccanica Varia per l'Impiantistica industriale non possano mancare gli Stati Uniti , i BRIC ( Cina in primis), alcuni mercati storici del Vecchio Continente ( Germania in primis), ma anche Estremo Oriente (Thailandia, Corea e Giappone) e Medio Oriente (Turchia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi).