Provincia di Savona: trainanti le esportazioni di Intermedi Chimici, soprattutto sui mercati di Singapore, Stati Uniti e Turchia

.

Congiuntura MENA NAFTA Africa Siulisse Pianificazione Asia Territori Controllorisultati Cambio Attualità e Congiuntura

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


L'industria dei Beni Intermedi Chimici sta trainando le esportazioni della provincia di Savona. Nel primo semestre dell'anno le vendite all'estero savonesi di Intermedi Chimici hanno registrato un incremento tendenziale del +15.2% in euro, offrendo un contributo di ben 7 punti percentuali alla performance esportativa complessiva della provincia.

Pur mantenendosi in crescita in media d'anno, nel secondo trimestre 2014 le esportazioni della provincia di Savona hanno tuttavia evidenziato una decelerazione. I dati pubblicati dall'Istat sulle esportazioni delle varie province italiane nel periodo aprile-giugno registrano, infatti, un calo delle vendite all'estero delle imprese manifatturiere localizzate nella provincia di Savona pari -1.4% rispetto al corrispondente periodo del 2013, dopo il +11.4% del primo trimestre.

I dati visualizzati in Exportpedia (www.exportpedia.it) consentono di cogliere in maniera immediata quali sono i mercati esteri che hanno determinato tale performance e i cambiamenti intervenuti nei due trimestri.

Contributi alla crescita delle esportazioni della provincia di Savona
Primo trimestre 2014 Secondo trimestre 2014

Le mappe qui sopra riportate presentano i contributi alla crescita delle esportazioni della provincia legati ai diversi mercati esteri. Sono evidenti significativi cambiamenti tra il primo e il secondo trimestre, con alcune conferme.

Le conferme positive provengono da Singapore , Stati Uniti , Turchia e, in misura minore, Sud Africa . In particolare, nel secondo trimestre 2014 le esportazioni delle imprese della provincia di Savona rivolte a Singapore hanno continuato a crescere a ritmi “record”, così come già accaduto nel primo trimestre dell'anno, per un valore complessivo di oltre 20 milioni di euro (più del doppio rispetto al primo semestre dello scorso anno). A trainare tale performance è stata l'industria dei Beni intermedi chimici .

Sul mercato statunitense nel secondo trimestre dell'anno le esportazioni savonesi hanno registrato una crescita tendenziale del +33.8% in euro, “bissando” il +40.9% del primo trimestre. Anche in questo caso, l'industria trainante è quella dei Beni intermedi chimici .

Sul mercato turco, tra aprile e giugno le esportazioni provinciali hanno evidenziato un incremento tendenziale del +35.3% in euro, dopo il +66% del primo trimestre, grazie al ruolo trainante delle vendite di Beni intermedi chimici .

Le principali conferme negative provengono, invece, da Germania e Romania . In modo particolare, nel secondo trimestre 2014 il mercato tedesco ha registrato una nuova pesante riduzione tendenziale delle vendite savonesi (-25.8% in euro), anche più intensa di quella sperimentata nei primi tre mesi dell'anno (-11.2%). A pesare su tale performance hanno contribuito in misura rilevante le flessioni di Beni intermedi chimici , Materie prime naturali , Elettrotecnica , Macchine e impianti per i processi industriali . Nel caso, invece, del mercato rumeno la riduzione tendenziale cumulata dell'export provinciale (-31.7% in euro) trova origine dal forte calo delle vendite di Prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio .

Le "novità” di segno positivo riguardano, invece, i miglioramenti evidenziati nel secondo trimestre dell'anno dalle vendite provinciali in Francia (anche se la performance esportativa della provincia è ancora complessivamente negativa), Spagna e Regno Unito .

Di converso, le novità di segno negativo interessano le vendite provinciali destinate a Russia ed Estremo Oriente ( Cina , Sud Corea e Giappone ), mercati verso cui l'export savonese ha registrato nel secondo trimestre 2014 dinamiche cedenti.