Sistema Moda Persona: la crescita degli Stati Uniti più che compensa la caduta del mercato russo

.

Frenanti Congiuntura Trainanti MENA NAFTA Siulisse Europa Fashion Asia Analisi Mercati Esteri

Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!


Nei primi 6 mesi del 2015, le vendite all'estero delle imprese UE di prodotti del Sistema Moda Persona hanno evidenziato un incremento tendenziale prossimo ai 9.2 miliardi di euro (fonte: Sistema Informativo Ulisse).

A fronte della caduta del mercato russo (in calo di circa 0.9 miliardi di euro nelle importazioni di Sistema Moda Persona dalla UE rispetto al 2014), si segnala il ruolo trainante del mercato degli Stati Uniti , con un incremento tendenziale di ben 2.5 miliardi di euro rispetto all'anno scorso. Contributi positivi alla crescita delle vendite all'estero UE di Sistema Moda Persona sono derivati anche dai mercati di Germania , Hong Kong , Svizzera (tutti con incrementi tendenziali di 0.9 miliardi di euro) e Regno Unito (+0.7 miliardi di euro).

Fonte: Sistema Informativo Ulisse (DW Congiuntura Paesi UE)

Mercati trainanti le vendite UE di Sistema Moda Persona

Stati Uniti

Nel periodo gennaio-giugno 2015 il mercato statunitense ha evidenziato un incremento delle importazioni di Sistema Moda Persona provenienti dall'area UE stimato in 2.5 miliardi di euro . Il comparto trainante tale performance è costituito da Libri ed altri prodotti di attività creative (+1.4 miliardi di euro rispetto al corrispondente periodo 2014). In crescita anche le importazioni dall'area UE di Gioielleria, orologi e bigiotteria (+253 milioni di euro) e Abbigliamento esterno (+206 milioni di euro).

Germania

Nel primo semestre dell'anno il mercato tedesco ha mostrato incrementi particolarmente positivi (+ 946 milioni di euro nei valori importati di Sistema Moda Persona dall'area UE). I comparti più dinamici risultano quelli di Abbigliamento esterno (+182 milioni di euro), Calzature (+142 milioni di euro), Borse, valigie e portafogli (+116 milioni di euro).

Hong Kong

Il mercato di Hong Kong si posiziona al terzo posto per incrementi delle importazioni dalla UE di prodotti del Sistema Moda Persona, con una variazione tendenziale di +873 milioni di euro nei valori importati nel primo semestre 2015). Gli incrementi maggiori sono derivati dai comparti Gioielleria, orologi e bigiotteria (+391 milioni di euro di maggiori importazioni rispetto al corrispondente periodo 2014), Libri ed altri prodotti di attività creative (+271 milioni di euro), Abbigliamento esterno (+117 milioni di euro).

Mercati frenanti le vendite UE di Sistema Moda Persona

Russia

Il mercato russo è stato di gran lunga il mercato più penalizzante la performance delle vendite all'estero UE di prodotti del Sistema Moda Persona: nel primo semestre dell'anno le importazioni russe di Sistema Moda Persona dai paesi dell'area UE si sono ridotte di 934 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014. I maggiori cali hanno interessato i comparti Abbigliamento esterno (-297 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014) e Calzature (-183 milioni di euro) .

Ucraina

Al secondo posto per contributi negativi alla crescita delle vendite all'estero UE di prodotti del Sistema Moda Persona sono derivati dal mercato ucraino , con un calo tendenziale nel primo semestre dell'anno di 142 milioni di euro nelle importazioni dall'area UE. I comparti più penalizzati sono risultati quelli di Abbigliamento esterno (-61 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014), Calzature (-30 milioni di euro), Biancheria intima e calzetteria (-21 milioni di euro) .

Emirati Arabi

Al terzo posto per contributi negativi alla crescita delle vendite all'estero UE di Sistema Moda Persona sono derivati dal mercato degli Emirati Arabi , con un calo tendenziale di 177 milioni di euro nelle importazioni dall'area UE. Tale performance è ascrivibile essenzialmente al comparto Gioielleria, orologi e bigiotteria , le cui importazioni in valore sono risultate in calo di 158 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014. Si segnalano, invece, i – pur moderati – incrementi dei comparti Calzature (+17 milioni di euro), Libri ed altri prodotti di attività creative (+16 milioni di euro) e Borse, valigie e portafogli (+15 milioni di euro).