Sistema Moda Persona: per il Made in Italy crescite sul mercato USA più accelerate della media dei concorrenti

.

Consumo Congiuntura NAFTA Siulisse Fashion Controllorisultati Cambio Analisi Mercati Esteri
Accedi con il tuo account per utilizzare le funzioni stampa migliorata (pretty print) e includi articolo (embed).
Non sei ancora registrato? REGISTRATI!

Nei primi 9 mesi del 2014 le esportazioni italiane di Prodotti finiti per la Persona sul mercato statunitense continuano ad evidenziare dinamiche di crescita più accelerate della media dei concorrenti.

Le esportazioni italiane di Prodotti finiti per la Persona rivolte agli Stati Uniti continuano a mostrare dinamiche di buona crescita, anche in un contesto di domanda non particolarmente dinamico. In base ai dati di commercio estero di fonte US Statistics Bureau, raccolti ed elaborati da StudiaBo nell'ambito del Data Warehouse USATrade, nel periodo gennaio-settembre 2014 le importazioni complessive USA di Prodotti finiti per la Persona sono aumentate in euro del +1%, a fronte invece di incrementi delle importazioni dall'Italia del +4.8%.

Importazioni USA di Prodotti finiti per la Persona nel periodo gennaio-settembre 2014 (prezzi CIF)

Milioni euro

Var. tendenziale 2014/2013

Da Italia

3 737

+4.8%

Totali

118 931

+1.0%

Fonte: Sistema Informativo Ulisse (DW USATrade)

In modo particolare, nei primi 9 mesi dell'anno gli incrementi delle esportazioni italiane (+170 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2013) hanno offerto i contributi più rilevanti alla crescita del mercato statunitense di Prodotti finiti per la Persona, insieme a quelli, nell'ordine, di Vietnam (+1.1 miliardi di euro), Germania (+211 milioni di euro), Israele e Sud Africa (rispettivamente +320 e +176 milioni di euro, le cui performance sono riconducibili ai contributi particolarmente rilevanti del comparto Gioielleria, orologi e bigiotteria ).

Vanno, di converso, evidenziate come peggiori performance nei primi 9 mesi dell'anno sul mercato USA di Prodotti finiti per la Persona quelle, nell'ordine, della Cina (-653 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2013) e, in misura minore di Indonesia (-206 milioni di euro), Svizzera (-123 milioni di euro), Bangladesh (-110 milioni di euro) e India (-96 milioni di euro).

[caption id="attachment_4270" align="alignnone" width="606" caption="Importazioni USA di Prodotti finiti per la Persona nel periodo gennaio-settembre 2014: i paesi partner con le maggiori variazioni positive /negative rispetto al periodo corrispondente (milioni di euro, prezzi CIF; fonte: SI Ulisse)"] [/caption]

A livello di comparti, si evidenziano le performance molto favorevoli nei primi 9 mesi 2014 delle importazioni dall'Italia di Calzature (+70 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2013) , Abbigliamento esterno (+55 milioni di euro) , Lenti e occhiali (+42 milioni di euro) , Borse, valigie e portafogli (+41 milioni di euro) , Gioielleria, orologi e bigiotteria (+29 milioni di euro).

Positive dinamiche anche per gli acquisti dall'Italia di Biancheria intima e calzetteria (+18.1% in euro rispetto al 2013) e Piccoli elettrodomestici per la persona (+20.0%).

Di converso, si caratterizzano per variazioni significativamente negative le importazioni dall'Italia di Libri e altri prodotti di attività ricreative (-18.3% in euro, corrispondenti ad un calo di circa 100 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2013) .